Home | Uomini di ogni leva

Il Sogno Eretico (2011) Ultimo Album di Caparezza

La Marchetta di Popolino

scritto da Chiara De Lucia

Ma guarda là, ma guarda che figo sto Popolino,
conciato come un divo persino nel condominio,
bocciato da ragazzino perché primo degli asini
sbuca dal vico e buca l'auto di Pico de Paperis.
Ora fa il superiore con licenza media,
fissato per la moneta com'é la strega Amelia,
è una pacchia vera, vuol tutti alla galera
ma nella vita cela più di una Macchia Nera.
Ha polizze auto da truffare con fare astuto
in giro con il collare che pare il cane Pluto.
Sta lì a denunciare le consulte dei massoni
ma poi si fa annullare le multe da Basettoni
Con noi è moralista, puritano, bacchettone
ma si filma mentre scopa con tuniche da stregone.
E' un guascone che ride se fa score,
ha la faccia da culo non il culo di Gastone.

Quant'è figo sto Popolino!
'Fa divertire tutti dal più grande al più piccino!'

Donneee, donnee
è arrivato Popolinoo..

Si blinda in casa con le porte ben chiuse,
spara a vista come fosse un Mac-user.
Non ha gamba di legno ma la faccia
quando vuole che ci si faccia giustizia con i caccia e i cruiser.
Detesta i benestanti specie se fanno i rocker
ma quando vota la sua croce va a Rockerduck.
Sogna cavalli rampanti di Ferrari che vanno a razzo
ma guida ferraglie del cavallo Orazio.
Ha voglia della topa, le dà noia e la tedia,
odia i maschi con la gonna.. Odia Eta Beta.
La mano stretta dell'ispettore Manetta
ma chiede aiuto alla feccia quando si trova in maretta.
Amicizie ovunque anche nei tronchi di Cip e Ciop,
amicizie ovunque già ma le tronca per qui pro quo
perché lui s'attacca a tutto come fa un polpo vivo
e te lo mette dove sa un porno divo.

Quant'è figo sto Popolino!
'Fa divertire tutti dal più grande al più piccino!'

'Dai sorcini! Ballate insieme a meee!
E adesso cantiamo tutti in coro!'
PO PO PO PO PO PO POPOLINOO...

Nello stadio, in discoteca,
tra i carrelli della spesa,
nei comizi della piazza,
nella macchina da presa,
per la folla è già boato
dappertutto è celebrato Popolin, Popolin.
Nelle case, nelle strade,
negli studi alla tv,
nelle scuole, nei locali,
nei commenti su Youtube,
siamo tutti mezze pippe
ma fa niente se emuliamo Popolin, Popolin,
e Tip e Tap.

DOTTORE MI FA MALE IL SISTEMA, Chiara De Lucia

Decima parte

scritto da Chiara De Lucia

 LA CEDOLARE SECCA

 

Venerdì scorso è entrata in vigore la cedolare secca, una nuova tassazione per i redditi derivanti da affitto. Infatti dal 7 aprile 2011 la maggior parte di coloro i quali affittano la propria casa potranno pagare meno tasse rispetto agli anni scorsi.

Il regime fiscale precedente era progressivo: la stessa cifra era tassata diversamente nei diversi scaglioni di reddito perché sommata al patrimonio personale del locatore.                Più l’aliquota marginale saliva più si pagava, in perfetta armonia con la Costituzione (Art. 53 della Parte Prima della Costituzione - Diritti e Doveri dei Cittadini-).

Oggi invece va di moda la semplificazione selvaggia e il Governo al fine di rendere più agile la normativa fiscale per ciò che concerne il reddito derivante dall’affitto ha trasformato l’imposta da progressiva a fissa.

La cedolare secca è uguale per tutti i proprietari di case locate ed è fissata al 21 % sul contratto di locazione libero (meglio conosciuto come “4+4”) e al 19% per il contratto concordato (3 + 2).

Il Presidente della Confedilizia, Corrado Sforza Fogliari ha accolto con entusiasmo e speranze l’arrivo dell’innovativa imposizione fiscale:

 "Le garanzie avute sul tempestivo decollo della cedolare secca, dopo che da tempo ne avevamo sollecitato l'attuazione, e' un precedente di 'tassa piatta' che ci auguriamo presto venga estesa all'intero settore locativo e al sistema tributario in se', sebbene per ora la cedolare secca riguardi solo persone fisiche e uso abitativo. (da Libero del 07.04.2011).

In molti condividono la soddisfazione del Presidente Sforza Fogliari. La maggior parte di questi ha un reddito superiore ai 28.000,00 euro annuali.

Eppure non tutti i proprietari di appartamenti in affitto sono uguali, anzi. La cedolare secca appare estremamente ingiusta ed ingiustificabile se si analizza la loro varietà.

Ci sono quelli che hanno lavorato una vita e grazie ai propri sacrifici hanno investito nel mattone e nella sua locazione, altri che hanno ereditato cifre o case; altri ancora possiedono mezza città altri sono a loro volta in affitto in città meno costose.

Ci sono anche quelli che sono in pensione e che integrano quel poco che ricevono dallo Stato con l’affitto, altre persone sono in difficoltà per malattia, disoccupazione, separazione o fallimento. C’è perfino chi affitta la propria casa e convive con il proprio inquilino.

L’incidenza dello Stato avrebbe il dovere di misurarsi con ogni diversa situazione e non di fare di tutta un’erba un fascio. Non si può nascondere un’innegabile agevolazione per i più abbienti dietro il vanto del rimedio ad un problema da sempre molto sentito.

Il Legislatore nel 1998 aveva accolto la richiesta di una tassazione meno forte per trovare convenienza nell’affitto di una casa fornendo ai proprietari una duplice scelta: il contratto libero (durata 4 + 4 e canone libero – prezzo di mercato – tassazione maggiore pari all’85% del canone annuo di locazione) oppure il concordato (durata 3 + 2 e canone calmierato – prezzo concordato fra le Associazioni degli Inquilini e dei Proprietari – tassazione minore pari al 40,5% del canone annuo di locazione).

Lo stesso appartamento potrebbe essere affittato a 900,00 euro (4+4) o a 700,00 euro (3+2). L’avidità porta a preferire il 4+4 e a rinunciare ad una forte diminuzione della fiscalità statale.

Grazie al Federalismo Fiscale Municipale ed in particolare all’art.3 del Decreto Legislativo 14 marzo 2011, n. 23 il Governo ha fatto sì che le persone più ricche possano ottenere lo status mitico de “la botte piena e la moglie ubriaca” , con un conseguente probabile aumento dei prezzi della locazioni e del loro peso nella vita delle persone che hanno un’esigenza locativa da soddisfare.
Come fra i proprietari, anche fra gli inquilini ci sono situazioni completamente diverse; dal manager che cambia città dopo una promozione (o punizione), alla coppia (italiana o straniera) che aspetta un bambino e a cui nessuno affitta casa perché uno dei due lavora a nero e non può dimostrare di poter assolvere al pagamento.

A mio parere il tema casa sta diventando sempre più delicato.

Chi cerca casa necessita di un lavoro per prenderla in affitto o di un mutuo per comprarla.

Bisognerebbe incentivare una politica sociale ad ampio raggio che premi la solidarietà con sgravi fiscali. Probabilmente questo migliorerebbe il clima e, se non per volontà almeno per convenienza l’egoismo di uno, farebbe il bene di molti.

Purtroppo non è questo il tempo…E anzi ogni giorno è un nuova occasione per derubare i molti in favore di pochi già fortunati.

 

Ex. 1 € 1.000,00 mensili
 
Legislazione attuale
 
Affitto € 1.000,00 x 12 = € 12.000,00
 
4+4 = (€12.000,00 - 15% guadagno netto della locazione) + € 10.200,00 sull’IRPEF
3+2= (€ 10.200,00 – 40,5% guadagno netto della locazione) + € 7.140,00 sull’IRPEF
 
Cedolare secca
 
Affitto € 1.000,00 x 12 = € 12.000,00
4+4 = 21% di 12.000,00 = allo Stato viene versata la cedolare secca pari a 2.520,00
3+2 = 19% di   7.800,00 = allo Stato viene versata la cedolare secca pari a 2.280,00
 
Nella legislazione precedente l'imposta era proporzionale ai diversi scaglioni di reddito per
 
il Contratto 4+4
 
1) se IRPEF + € 10.200,00 ≤ di 15.000,00 allo Stato vengono pagati € 2.346,00
 
2) € 15.000,00 ≤ IRPEF + 10.200,00 ≥ 28.000,00
allo Stato vengono pagati € 2.754,00;
 
3) € 28.000,00 ≤ IRPEF + 10.200,00 ≥ 55.000,00
allo Stato vengono pagati € 3.876,00
 
4) € 55.000,00 ≤ IRPEF + 10.200,00 ≥ 75.000,00
allo Stato vengono pagati € 4.182,00
 
5) se IRPEF + 10.200,00 > 75.000,00 allo Stato vengono pagati  € 4.386,00
 
il Contratto 3+2
 
1) se IRPEF + € 7.140,00 ≤ di 15.000,00
allo Stato vengono pagati € 1.642,20
 
2) € 15.000,00 ≤ IRPEF +7.140,00 ≥ 28.000,00
allo Stato vengono pagati   € 1.927,80
 
3) € 28.000,00 ≤ IRPEF + 7.140,00 ≥ 55.000,00
allo Stato vengono pagati  € 2.713,20
 
4) € 55.000,00 ≤ IRPEF + 7.140,00 ≥ 75.000,00
allo Stato vengono pagati € 2.927,40
 
5) se IRPEF +7.140,00 > 75.000,00 allo Stato vengono pagati € 3.070,20
   

Cedolare Secca

Il Governo agevola ancora solamente i ricchi (e gli amici)!

scritto da Chiara De Lucia

LA CEDOLARE SECCA

Continua l’opera del Governo per agevolare solamente coloro i quali hanno un reddito elevato.

Infatti, la cedolare secca aiuta gli investitori benestanti a pagare molte meno tasse relativamente al reddito da fabbricati che la locazione comporta.

Alcuni link:

http://finanza.repubblica.it/Esperti/DettaglioArticolo.aspx?id=154541&te=Casa

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-03-03/cedolare-secca-affitti-articolo-175530.shtml

http://archiviostorico.corriere.it/2011/aprile/07/Affitti_parte_cedolare_secca_co_9_110407067.shtml 

http://www.libero-news.it/news/709292/Casa__Confedilizia__cedolare_secca_e__svolta_importante.html

Ogni Sera 2007, Il Ciclo dei Vinti

Uomini di Ogni Leva, Chiara De Lucia

scritto da Chiara De Lucia

Ogni Sera è una canzone de "Il Cicio dei Vinti" scritta per una persona che nel 2007 mi sembrava impazzita dietro le sue convinzioni che erano diventate manie. Su internet trovava ogni sera le conferme a qualsiasi cosa desiderasse grazie alle varie community: cercava una donna, c'era, cercava notizie di politica c'erano, cercava spartiti per suonare c'erano...Non esistevano certo i contrasti o le difficoltà dell'esistenza.La realtà sfumava nel pensiero...Era pensata, direzionata.

Mano a mano che i giorni passavano i discorsi "pensati" davano fastidio a me che invece mi scontravo con le prime difficoltà post laurea. Ma io non potevo lamentarmi semplicemente perchè avevo avuto una vita più fortunata. Sembrava quasi che io dovessi chiedere perdono per questo. Accuse su accuse ma anche la certezza che quellla persona stava restando sempre più sola. A nessuno piace non avere mai possibilità di contraddittorio...Il troppo pensare diventava noioso ed anche inopportuno.

Io non pensavo che mi sarei sentita ingannata eppure è stato così. Lo stato di desolazione mi ha circondato quando ho capito cosa stavo provando.Seppur all'inizio ero timorosa di contestare e forse anche un po' rassegnata, mano a mano che capivo cosa stava accadendo ad una persona tanto vicino a me aumentava la voglia di urlare, di disprezzare per poi dimenticare.

Ogni sera è una canzone che non vede l'ora di essere smentita...riscattata.

Shh - La Canzone di un Suicidio -

Il Ciclo dei Vinti, Uomini di Ogni Leva

scritto da Chiara De Lucia

.

Canzoni per l'Italia

scritto da Chiara De Lucia

Un tributo all'Italia, tre canzoni che negli anni l'hanno raccontata con i suoi pregi ed i suoi difetti.

<< Ottobre 2018  
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31